Edilizia Antisismica

 

esistenti

La realtà del degrado delle strutture in cemento armato e muratura si è presentata con preoccupante evidenza negli ultimi decenni, spingendo alcuni costruttori a sviluppare quella che viene definita “Edilizia Specializzata” diretta a promuovere la sicurezza e il benessere sociale e contrastare il degrado del territorio e del patrimonio della collettività. Spinti anche dalla richiesta sempre più impellente della pubblica amministrazione, che deve gestire importanti luoghi di aggregazione, il nostro sviluppo in questo settore dell’edilizia ha raggiunto livelli affinatissimi attraverso l’adozione di sistemi appositamente studiati per eseguire rinforzi e consolidamenti strutturali di edifici soggetti a grave degrado (anche a causa di eventi tellurici), mediante l’utilizzo della tecnologia dei sistemi compositi a base di fibre di carbonio, basalto, vetro, aramide ed altri materiali speciali. La nostra esperienza ha reso ancora più efficace l’utilizzo combinato di questi sistemi con metodi tradizionali basati sulla ridistribuzione delle sollecitazione con elementi in carpenteria metallica a varia scala, che consentono di adeguare e migliorare la resistenza alle azioni sismiche delle strutture primarie, dei tamponamenti e anche delle partizioni interne.
Tutto ciò viene studiato ed eseguito nell’ottica di un incremento delle prestazioni, della sicurezza e della vita utile delle costruzioni esistenti, siano esse recenti o storiche, mediante l’adozione di rinforzi poco invasivi ma in grado di determinare un miglioramento del comportamento strutturale in termini di resistenza e duttilità.
Gli interventi che hanno visto il contributo della Buia Nereo, costituiscono un ampio background in continua evoluzione, che spazia tanto nel settore pubblico come in quello privato, annoverando interventi particolarmente prestigiosi, arditi e significativi accanto a realizzazioni più usuali, tutti diretti alla più rigorosa attenzione per gli aspetti tecnici (e per i risvolti economici nei casi di committenze terze), nell’ottica della riduzione di ogni complessità esecutiva e della massima sicurezza in tutte le fasi di realizzazione. La Buia Nereo è in grado di realizzare importanti interventi per il miglioramento antisismico senza interrompere le attività produttive del committente, attraverso un’attenta pianificazione in funzione delle necessità operative dell’azienda oggetto di ristrutturazione, programmando dettagliatamente ogni fase esecutiva con la disponibilità ad intervenire in orari notturni e nei giorni festivi.

Alcuni dei nostri interventi:

nuoveproposte1dove_1

nuovi
La nostra azienda ha realizzato (in Via D’Antona (PR) – 5 corpi di fabbrica – 120 appartamenti) il primo complesso residenziale in Emilia Romagna costruito con l’utilizzo di isolatori antisismici, progettato in conformità alle prescrizioni della Legge Regionale del 30.10.2008, n. 19: “Norme per la riduzione del rischio sismico”, e strutturalmente dimensionati nel rispetto del DM 14.01.2008: “Nuove norme tecniche per le costruzioni” per la zona sismica 3.

Complesso PSH A19

nuoveproposte1dove_1

La tipologia strutturale adottata prevede un sistema di isolamento che oltre a migliorare l’aspetto antisismico dell’opera, consente anche di mitigare notevolmente le interferenze tra la componente architettonica e strutturale di una costruzione geometricamente complessa (non regolare in pianta ed in elevazione). Il comparto di Via d’Antona prevede l’utilizzo di due differenti tipologie di dispositivi antisismici, replicati in numerose e specifiche posizioni alla base delle fondazioni: a) appoggi a calotta sferica e b) isolatori elastomerici.
Quelli a calotta sferica (oltre 200 pezzi) sono appoggi strutturali opportunamente dimensionati che garantiscono la rotazione in tutte le direzioni spaziali grazie ad un meccanismo interno a “rotula” formato dall’accoppiamento di una piastra convessa (calotta sferica), con una piastra concava (pistone), nella quale è stato posizionato un foglio di teflon lubrificato atto a produrre un basso coefficiente di attrito che favorisce la rotazione del sistema. Sezione:

nuoveproposte1dove_1

Gli isolatori elastomerici (oltre 100 pezzi), invece, sono costituiti da un sistema di appoggi in gomma-acciaio progettato per avere determinati valori di rigidezza nei confronti dei movimenti sismici orizzontali (in tutte le direzioni planari), al fine di realizzare l’opportuno sistema di isolamento per la struttura a progetto. Il corpo dell’isolatore è formato da una sequenza di strati orizzontali di gomma, alternati a lamierini vulcanizzati di rinforzo in acciaio: le dimensioni ed il numero di tali strati di gomma e la tipologia della gomma utilizzata conferiscono all’isolatore la rigidezza orizzontale di progetto e forniscono all’intero dispositivo la corretta capacità di smorzamento dell’energia sismica. Il dispositivo si completa con le piastre di chiusura superiore e inferiore dotate di opportuni sistemi di ancoraggio alle strutture esterne in cemento armato. Sezione:

nuoveproposte1dove_1

Tutti gli isolatori sono dotati di un complesso sistema scatolare per la protezione al fuoco, progettato per non compromettere la funzione protettiva durante e dopo un evento sismico e concepito in modo da consentire le operazioni di ispezione periodica e di un’eventuale manutenzione straordinaria.